Festival Psicologia 2019

Sotto la pressione dei rapidi mutamenti della contemporaneità, probabilmente oggi Amleto si interrogherebbe, più che se essere o non essere, sul Chi essere.

Globalizzata? Populista? Multiculturale? Esibizionista? Digitale? Plurima? Com’è, cos’è l’identità oggi e con quali traiettorie culturali, relazionali ed intime deve dialogare per fondarsi e crescere?

La rievocazione di un passato arcaico mitico, o la spinta verso un altrettanto mitico futuro, gli scenari dispiegati dalle plurime forme di fondamentalismo o il potere illimitato del mercato, la voracità digitale sembrano essere piste di atterraggio affacciate su scenari ad alto rischi di alienazione.

Chi è quell’altro – che a volte funziona da pericoloso nemico che minaccia i confini e a volte da salvifico e necessario nutrimento d’amore – che si siede di fronte e rilancia la domanda sull’identità? Dove siamo veri, dove siamo liberi?

Quello che è stato scomposto e frammentato dalle mutevoli configurazioni del nostro presente, quali nuove forme di composizione sta cercando per poter affermare di esserci e di riconoscersi in maniera vitale e creativa?

Il Festival della psicologia si mette al centro di queste domande. IO SONO QUI è un punto di partenza ed anche uno snodo. Un richiamo alla imprescindibilità della presenza e all’intenzione di manifestarne la responsabilità. Un invito a dialogare su tutte le istanze dell’identità: quella intimistica della relazione con se stessi, quella delle relazioni affettive prossimali, quella sociale e politica dell’essere cittadini.

Un nuovo viaggio, dal vicino al lontano, dal passato al futuro, dall’uno ai molti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.